venerdì 16 dicembre 2011

Sciopero Mezzi Pubblici: una proposta per una protesta utile e non dannosa per i cittadini



Oggi 16 dicembre assistiamo all'ennesimo sciopero dei mezzi pubblici che, considerando anche il periodo pre-natalizio, sta creando molti più disagi del solito.

Vorrei qui lanciare una proposta a tutti gli scioperanti e soprattutto a chi questi scioperi li organizza.

Così non andate da nessuna parte, anzi, vi farete A) odiare dal cittadino medio che si ritrova intrappolato nel traffico, quindi ancora più stressato di quello che già non è (vista anche la crisi poi) e B) renderete l'aria delle vostre città ancora più inquinata visto il maggior numero di auto in circolazione (oltre al tempo in cui rimandono accese viste le code).

La mia proposta non è nulla di originale nel mondo dello sciopero, ma nel vostro caso lo è. Quando nel privato si protesta, i lavoratori smettono di lavorare causando un danno serio all'azienda. Voi non lavorando non causate un danno serio all'azienda(visto che i mezzi sono fermi e voi non venite pagati) ma ai cittadini.

Cambiate il vostro obiettivo. Create disagio all'azienda non agli utenti!

Quello che vi propongo (e consiglio) è di far girare i mezzi, quindi fornire il servizio al cittadino ma senza far pagare il biglietto! Così danneggerete sul serio l'azienda e vi farete davvero sentire!

Fino ad ora non avete ottenuto nulla. Che vi costa provare?

PS: una cosa. Sarebbe più corretto scioperare a metà settimana e non il venerdì/lunedì tanto per allungarvi il weekend.

4 commenti:

Anonimo ha detto...

Mai letta una cazzata cosí abissale....come si fa a lavorare e non far pagare il biglietto del treno/bus(che tra l'altro devi avere prima di salire a bordo, e se non hai, e non passa nessun controllore .......).
Anche quella dello sciopero a metà settimana è bella, sei proprio sicuro di essere un pendolare, o comunque aver usato qualche volta un mezzo pubblico?

Firmato uno che sciopera il fine settimana, e lunedí per allungarsi i week end.....forse informarsi su come si sviluppano i turni di lavoratori dei trasporti potrebbe essere utile a non dire idiozie.

Mattia Poletti ha detto...

Mah io sono 8 anni che prendo mezzi pubblici. Il biglietto sul bus me lo ha sempre fatto l'autista quindi non c'è problema.

Sul treno (4 anni che lo prendo) il controllore passa (non sempre).

Sul fatto che poi bisogna farlo prima, che problema c'è? Quando si annuncia lo sciopero, si dice che i biglietti non verranno controllati, basta. Non vedo dove sia il problema.

Quello della metà settimana è un problema per il tipo di sciopero che fate ora. Con quello fatto da me non c'è problema, anzi, visto il numero di pendolari vi farete ancora più sentire.

Anonimo ha detto...

Quindi, fammi capire...
Tu lavori per esempio in una panetteria come dipendente, e decidi di fare sciopero perché la tua categoria lo ha dichiarato.....tutti coloro che entrano gli dai il pane e non li fai pagare?
Ma sui bus di linea della tua città l'autista fa il biglietto?

Sempre Firmato uno che sciopera il fine settimana, e lunedí per allungarsi i week end

Mattia Poletti ha detto...

No quello è un caso diverso. Un'azienda privata se si ferma e basta va in perdita e fallisce. Il servizio pubblico, essendo pubblico, quasi mai opera in attivo quindi fermare i mezzi senza essere pagati a loro cambia poco. Se invece girano, devono pagare gli autisti e non ricavano proprio niente, allora un po' di più s'arrabbiano.

Sìsì fa tutto lui, anche gli abbonamenti (anche se questi posso andare alla sede centrale).

Articoli che potrebbero interessarti

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...